Ahi Pisa, vituperio de le genti 
del bel paese là dove ‘l sì suona, 
poi che i vicini a te punir son lenti,

muovasi la Capraia e la Gorgona, 
e faccian siepe ad Arno in su la foce, 
sì ch’elli annieghi in te ogne persona!